Come “curare” e superare la islamofobia

Assodato che la “IslamoFobia” non è un “delitto” bensì un pieno e inalienabile DIRITTO, se i “musulmani moderati” ( da me considerati una specie inesistente, una mera astrazione teorica concepita da rinnegati buonisti nostrani ) esistessero, potrebbero nel contempo dimostrare di esistere e far cessare la ISLAMOFOBIA enunciando pubblicamente e praticando queste prime semplici direttive:

1) concentrare la loro indignazione contro gli islamici autori di violenze e crimini commessi in nome dell’islam, non già verso i non-musulmani ( ovvero verso i CONTRO-JIHADISTI )che denunciano tali gesta atroci;
2) rinunciare definitivamente, sinceramente, onestamente, CON FATTI e non solo a parole, non soltanto al “terrorismo” bensì a ogni e qualsiasi intento di sostituire la Costituzione di qualsiasi Paese NON musulmano con la “sharia” -nemmeno con mezzi pacifici- e, coerentemente, in linea con ciò, cancellare dalla dottrina islamica tutti gli insegnamenti ispiratori di delitti;
3) insegnare -di nuovo sinceramente, onestamente, in modo trasparente e verificabilenelle moschee e nelle scuole islamiche, l’imperativo assoluto che i musulmani DEVONO coesistere a pari grado e pacificamente rispettare TUTTI i NON musulmani, in ogni aspetto della vita, e comportarsi sempre di conseguenza;
4) attivare programmi internazionali multilinguistici riconoscibili in tutto il mondo, di insegnamento che condanni senza scuse i concetti di “segregazione”, “supremazia islamica” e di “guerra santa” insiti nel corano;
5) collaborare con le Autorità dei Paesi Occidentali dove esistono comunità musulmane, al fine di identificare, isolare e rendere inoffensivi i musulmani integralisti e violenti;
6) interdire e deprecare l’uso di indumenti che coprono parzialmente o totalmente il viso;
7) cessare di rivendicare privilegi in nome della loro religione e ad onta delle Leggi;
8) abolire tutte le mutilazioni rituali sui minori;
9) smettere di minacciare o aggredire le persone che abbandonano la religione islamica;
10) dichiarare di condividere e sottoscrivere senza riserve ovunque la “DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL’UOMO – 1948”.
Se i “musulmani moderati” esistessero e cominciassero ovunque a praticare PUBBLICAMENTE quanto esposto, la “ISLAMOFOBIA” potrebbe scomparire. Stiamo a vedere.