Buongiorno amici. Il Governo italiano, tramite una conferenza stampa l’11 giugno presso la sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio, a cui hanno partecipato il Ministro della Salute Roberto Speranza, il Coordinatore del Comitato Tecnico-Scientifico del Governo e Presidente del Consiglio Superiore di Sanità Franco Locatelli, il Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro, il Commissario straordinario per l’emergenza Covid, generale Francesco Paolo Figliuolo, ha comunicato che “ci sono tutti i presupposti per una campagna di vaccinazione in fascia adolescenziale”, annunciando la decisione di avviare l’inoculazione del siero di terapia genica sperimentale, denominato ufficialmente “vaccino anti Covid-19”, anche ai bambini e agli adolescenti dai 12 ai 16 anni. 

Il contesto in cui il Governo italiano ha assunto questa decisione si connota come segue:

    1.    Sempre più scienziati americani e il nuovo Governo degli Stati Uniti con il Presidente Joe Biden hanno fatto propria la convinzione del precedente Presidente Donald Trump accreditando la realtà del Sars-Cov-2 come un virus prodotto nell’Istituto di Virologia di Wuhan in Cina, un fatto che impone di riconsiderare sia la natura del Sars-Cov-2 sia la realtà complessiva originata dalla pandemia di Covid-19.

    2.    La quasi totalità dei medici ha preso atto che la “terapia domiciliare precoce”, praticata ai primi sintomi del Covid-19 e la cura basata sugli anticorpi monoclonali in fase successiva sono adeguati a guarire dalla malattia ed evitare soprattutto il ricovero in ospedale del paziente. Questa constatazione, basata sull’evidenza medica, mette in discussione la modalità con cui si è proceduto e ufficialmente si continua a procedere nel contrasto al Covid-19 sintetizzabile nella raccomandazione “Tachipirina e vigile attesa”.

    3.    La quasi totalità dei medici contesta fortemente il fatto che da circa un anno e mezzo il sistema sanitario nazionale sia stato monopolizzato dalla gestione della pandemia di Covid-19, trascurando i malati di patologie che tutti gli anni provocano molti più morti rispetto a quelli provocati dal Covid-19, a partire dalle malattie del sistema circolatorio e dei tumori.

    4.    Sempre più cittadini, a partire dai piccoli imprenditori, denunciano la devastazione economica conseguente al blocco di gran parte delle attività produttive nell’ambito della serrata, il lockdown, imposta alla popolazione nella gestione della pandemia di Covid-19, che ha condannato a morte centinaia di migliaia di imprese ed accresciuto la povertà, in parallelo alla destabilizzazione sociale e alla crescita delle malattie psichiche specie tra i giovani.

    5.    Sempre più scienziati, medici, giuristi e cittadini nutrono crescenti perplessità sulla prima sperimentazione nella Storia di una terapia genica resa obbligatoria all’insieme dell’umanità avvalendosi dell’autorità dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), il cui secondo donatore, dopo gli Stati Uniti, è il miliardario americano Bill Gates che finanzia il 10% del bilancio dell’Oms, che opera principalmente nelle aziende farmaceutiche che producono i cosiddetti “vaccini anti Covid-19, e che nel 2015 previde una pandemia da virus che avrebbe decimato l’umanità.

    6.    Ogni giorno si registrano morti e vittime gravi conseguenti alla inoculazione dei cosiddetti vaccini anti Covid-19, scoprendo tramite le autopsie la diffusione delle trombosi e la tossicità della proteina Spike. Il vaccino anti Covid-19, per gli ormai frequenti eventi avversi che vengono segnalati, sottostimati dal sistema di Farmacovigilanza passivo, rischia di produrre, in un numero non trascurabile di cittadini e nel tempo, effetti tossici simili e quelli indotti dalla malattia Covid-19 sull’organismo umano nel grado medio-grave.

    7.    I bambini e gli adolescenti sono in assoluto coloro che raramente si ammalano e ancor meno muoiono per il Covid-19.

    8.    Gli insegnanti nelle scuole sono quasi tutti vaccinati o per convinzione o perché costretti sotto il ricatto di essere sospesi dal lavoro e dallo stipendio. Quindi se sono vaccinati non dovrebbero temere l’eventuale contagio da parte dei bambini.

    9.    La verità sostenuta dallo stesso Ministero della Salute è che anche i vaccinati possono contagiarsi, ammalarsi, contagiare e soprattutto sviluppare le varianti ancor più aggressive, ciò che solleva dubbi di fondo sulla valenza dei cosiddetti vaccini anti Covid-19.

    10.    Il Governo italiano, con la complicità dei mezzi di comunicazione di massa, ha promosso una campagna pubblicitaria per persuadere bambini, adolescenti e giovani a vaccinarsi, sostenendo che il cosiddetto vaccino anti Covid-19 è un atto di responsabilità nei confronti degli adulti e degli anziani che con più facilità si ammalano e muoiono di Covid-19, ma soprattutto che in cambio del cosiddetto vaccino anti Covid-19 riscatteranno la loro libertà, intesa come la libertà di andare in vacanza e divertirsi in discoteca.

    11.    Tra le conseguenze a lungo termine della terapia genica sperimentale in atto, denominata ufficialmente vaccinazione anti Covid-19, è il potenziale rischio di incremento a medio e lungo termine nella popolazione vaccinata dell’infertilità e dell’aumento delle malattie tromboemboliche, autoimmuni e leucemie. Di fatto si tradurrebbe nella sterilizzazione e nella estinzione della popolazione italiana. 

12 . La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità sostiene che i bambini non dovrebbero essere vaccinati per il momento. Questo è quanto si legge nel sito ufficiale dell’Oms: “Non ci sono ancora prove sufficienti sull'uso dei vaccini contro il Covid-19 nei bambini per formulare raccomandazioni affinché i bambini vengano vaccinati contro il Covid-19. I bambini e gli adolescenti tendono ad avere una malattia più lieve rispetto agli adulti. Tuttavia, i bambini dovrebbero continuare a ricevere i vaccini per l'infanzia raccomandati”.

Cari amici, in questo quadro complessivo l’annuncio del Governo italiano di sottoporre anche i bambini e gli adolescenti dai 12 ai 16 anni alla terapia genica sperimentale, ufficialmente denominata vaccinazione anti Covid-19, è un crimine contro l’umanità. Tutti i genitori, tutti gli italiani intellettualmente onesti e moralmente integri, hanno il dovere di mobilitarsi per impedire che si metta a rischio la vita dei nostri figli e il futuro della nostra popolazione.

All’interno del Movimento culturale, civile e politico “Noi amiamo l’Italia” ci siamo mobilitati per redigere un documento che sia oggettivo e inconfutabile sul piano medico-scientifico e giuridico, in aggiunta all’indubbia valenza etica, spirituale, sociale e politica, da diffondere tra gli italiani affinché partecipino consapevolmente e responsabilmente a una mobilitazione nazionale contro la terapia genica sperimentale ai bambini e agli adolescenti. 

Nessuna madre e nessun padre può accettare che il proprio figlio venga sfruttato come cavia nella sperimentazione di una terapia genica che potrebbe provocare la sua morte immediata, renderlo invalido, in prospettiva condannarlo alla sterilità e alla morte per malattie incurabili. Il mio auspicio è che il maggior numero possibile di italiani, compresi quelli che si sono già vaccinati e che credono nella bontà dei cosiddetti vaccini anti Covid-19, comprendano che non possiamo in ogni caso e in alcun modo mettere a rischio la vita dei bambini e degli adolescenti che sono i nostri figli o i nostri nipoti, il futuro della popolazione e della civiltà italiana.

Noi amiamo l’Italia. Andiamo avanti a testa alta e con la schiena dritta, forti di verità e con il coraggio della libertà. Con l’aiuto del Signore insieme ce la faremo.

Magdi Cristiano Allam

Mercoledì 23 giugno 2021