La vittoria della Francia grazie a tanti giocatori africani, conferma che gli africani potrebbero riscattare l’Africa dalla povertà se adeguatamente formati

Cari amici, pur non seguendo il calcio, ieri per ragioni tutt’altro che calcistiche, ho sperato nella vittoria della Croazia. So bene che la realtà del calcio-impresa e dei giocatori-miliardari si presta poco a considerazioni di natura politica e ancor meno morale, ma ho percepito la finale come un confronto tra due contrapposti modelli sociali, il multiculturalismo globalista della Francia e il nazionalismo localistico della Croazia. 

Nella Nazionale della Francia 17 giocatori su 23 sono di origini extra-francesi, di cui 15 originari dell’Africa. Diversi di loro non cantano la Marsigliese, I’inno nazionale, all’inizio della partita. Viceversa i giocatori croati, prima di scendere in campo, scandiscono all’unisono nello spogliatoio "Za dom, spremni!", "Per la Patria, pronti!". Il che, per me, non significa rifiuto dello straniero, ma piuttosto apertura allo straniero da una posizione di forza, certi e orgogliosi di chi siamo.

Così come sono favorevole alla micro-dimensione della Croazia che ha poco più di 4 milioni di abitanti, rispetto alla relativa macro-dimensione della Francia che ha quasi 65 milioni di abitanti. 

Ho riflettuto inoltre sul fatto che mentre tanti campioni presenti nelle Nazionali di Francia, Belgio e Inghilterra sono di origine africana, tutte le Nazionali dell’Africa che hanno partecipato ai Mondiali, Egitto, Marocco, Nigeria, Tunisia e Senegal, sono state eliminate al primo turno. Per me significa che gli africani potrebbero eccellere se avessero ciò che manca all’Africa: una adeguata formazione. Così come dei giocatori africani, sicuramente dotati per loro natura ma adeguatamente formati, rappresentano la carta vincente delle Nazionali europee, più in generale i giovani africani adeguatamente formati potrebbero diventare i protagonisti dello sviluppo dei loro Paesi e riscattare l’Africa dall’assurda situazione di un Continente ricchissimo con popolazioni poverissime. 

Infine mi ha colpito la riflessione pubblicata dall’Ucoii (Unione delle Comunità e Organizzazioni Islamiche in Italia), che ha elevato il giocatore Paul Pobga, centrocampista del Manchester United e della Nazionale francese, a modello di musulmano europeo ed emblema dell’islam che trionfa in Europa e nel mondo. Alhamdulillah, grazie ad Allah. 

Personalmente, tra multiculturalismo dilagante e crescente islamizzazione dell’Europa, sono tutt’altro che felice. Il calcio è il calcio e la festa dei tifosi va benissimo. Ma la realtà è ben più seria e ci impone di mobilitarci per salvare la civiltà decadente di quest’Europa che ha perso e si vergogna delle proprie radici, fede, identità e tradizione cristiana.