Seguite la mia Diretta Facebook alle ore 18. Parleremo dei quattro eventi accaduti a settembre che hanno cambiato la nostra Storia

Cari amici, nel mese di settembre rievochiamo quattro eventi che hanno cambiato il corso della nostra Storia. L’11 e il 12 settembre 1683 la Lega Santa voluta dal Papa Innocenzo XI, resa possibile da Padre Marco d’Aviano, capeggiata dal re polacco Giovanni III Sobieski, sconfisse a Vienna il ben più poderoso esercito islamico dell'Impero ottomano comandato dal Gran Visir Merzifonlu Kara Mustafa Pasha. Dopo le vittorie degli eserciti cristiani a Poitiers nel 732, la Reconquista in Spagna nel 1492 e Lepanto nel 1571, la vittoria di Vienna pose fine alla strategia islamica di conquista dell’Europa cristiana avviata dallo stesso Maometto prima della sua morte nel 632. 

L’11 settembre 2001 ha invece sancito il successo del terrorismo islamico globalizzato colpendo al cuore la superpotenza mondiale, con l’attentato perpetrato da Al Qaeda a New York, culminato nell’abbattimento delle due Torri Gemelle e provocando circa 3 mila morti. 

Il 12 settembre 2006 il Papa Benedetto XVI per aver detto la verità in libertà sull’islam in una Lectio Magistralis pronunciata nell’Università di Ratisbona, si ritrovò oggetto di una guerra terroristica islamica e di una accesa critica da parte dell’Occidente e della Chiesa stessa. Di fatto quell’atto, che ha rappresentato l’apice del suo pontificato sul piano dell’interesse mondiale, ha coinciso con l’inizio del declino del suo pontificato culminato con le sue dimissioni il 28 aprile 2013. Ecco perché la Lectio Magistrali di Ratisbona rappresenta il culmine del successo del terrorismo dei taglialingue islamici e il culmine della deriva del “relativismo religioso” che ha contagiato l’Occidente.

Il “crimine” commesso da Benedetto XVI è stato la denuncia dell’espansionismo islamico tramite la violenza, rievocando le parole dell’imperatore e santo bizantino Manuele II Paleologo (Costantinopoli, 1350 – Costantinopoli, 1425). Si tratta di una ovvietà storica che gli stessi musulmani non solo non negano ma ne sono orgogliosi, perché dal loro punto di vista attesta che Allah è dalla loro parte. Eppure, per il fatto che è stato il Papa ad affermare la verità, si è ritrovato a fronteggiare una vera e propria guerra esterna ed interna alla cristianità. Il passo incriminato è il seguente: «Mostrami ciò che Maometto ha portato di nuovo e vi troverai solo delle cose cattive e disumane, come la sua direttiva a diffondere per mezzo della spada la fede che egli predicava».

Nella notte tra il 14 e il 15 settembre del 2008 fallì la banca d’affari americana Lehman Brothers, dedita essenzialmente ad attività di natura speculativa, che aveva accumulato debiti per 613 miliardi di dollari, pari a circa un quarto del debito pubblico dell’Italia. Fu l’inizio di una crisi a catena di banche e imprese, che fino al 2011 costò ai cittadini americani 7.700 miliardi di dollari, pari al doppio del costo affrontato dagli Stati Uniti nella Seconda guerra mondiale, circa 4 mila miliardi di dollari a valori odierni. Nello stesso periodo la crisi che aveva coinvolto anche banche e imprese europee, costò ai cittadini dell'Unione Europea 2 mila miliardi di dollari. Contemporaneamente 30 milioni di persone nel mondo persero il posto di lavoro. È emersa così la realtà della dittatura della finanza speculativa globalizzata che utilizza l’arma del debito per devastare l’economia reale e sottometterla alla dimensione virtuale della moneta. Si tratta di una strategia deliberata utile a riciclare una massa di denaro virtuale, a partire dai titoli derivati che erano pari a 787 mila miliardi di dollari nel 2011, pari a circa 12 volte il Pil mondiale (Prodotto Interno Lordo, 66 mila miliardi di dollari nel 2011), condizionando e imponendo il proprio potere politico.

Di ciò parleremo alle ore 18 nella Diretta Facebook «Mezz’ora culturale con gli Amici di Magdi Cristiano Allam» su questa pagina Facebook.com/MagdiCristianoAllam. Siete tutti invitati a partecipare con i vostri commenti e le vostre domande. Vi aspetto.