Buona Santa Pasqua con l’augurio che il miracolo della Resurrezione di Gesù Cristo ci conforti, consolidi e incoraggi a realizzare insieme il miracolo della rinascita della nostra civiltà decadente

Buona Santa Pasqua amici. Gesù Cristo è risorto. Oggi si compie il miracolo che sostanzia l’essenza della fede in Gesù Cristo vero Dio e vero uomo, nato, morto e risorto. 

Sono stato amico dell’ex Rettore Maggiore dei Salesiani, il messicano Don Pascual Chavez Villanueva. Mi confidò che pur essendo la Resurrezione di Gesù Cristo il miracolo che incarna il fulcro del cristianesimo, la Santa Pasqua è meno sentita dalla Chiesa e dai fedeli come festa religiosa rispetto al Santo Natale. Mentre la rievocazione del mistero della nascita di Gesù Bambino da Maria Vergine, evocando l’atto d’amore supremo del dare alla luce una nuova vita, fa scaturire in noi sul piano affettivo un livello ineguagliabile di condivisione, la Festa della Resurrezione di Gesù, impegnando principalmente la nostra mente sul fondamento del miracolo, ci induce a una maggiore riflessione e si traduce in una minore partecipazione. Eppure, mi disse Don Pascual, il cristianesimo si fonda innanzitutto sulla fede in Gesù Cristo risorto.

Cari amici, Buona Santa Pasqua a voi e alle vostre famiglie, con l’augurio che il miracolo della Resurrezione di Gesù Cristo ci conforti, consolidi e incoraggi a realizzare insieme il miracolo della rinascita della nostra civiltà decadente, per tramandare ai nostri figli i valori assoluti e universali che sostanziano l’essenza della nostra comune umanità: la certezza della vita, della dignità e della libertà.