“Dopo Vittorio Conti all’Inps Mario Draghi al Quirinale?” si domanda Magdi Cristiano Allam, deputato del Gruppo EFD del Parlamento Europeo, commentando la nomina dell’economista di mercato e manager bancario.

“E’ l’ennesima dimostrazione che in Italia” ha continuato Allam “siamo sempre più in una dittatura bancaria che ha preso il posto della democrazia e che controlla in toto il nostro Stato. L’incarico a Conti non è altro che un ulteriore tassello di una lista già lunga di nomine di esponenti del mondo bancario e finanziario nei posti della pubblica amministrazione e della politica nazionale. Infatti, Conti oltre che commissario Consob ha fatto parte dell’ufficio Studi di Bankitalia, di Comit, di Banca Intesa e dell’Esma, ente finanziario dell’UE.”

“Negli ultimi anni stiamo assistendo” riferisce Allam “alla presa del potere nei posti della pubblica amministrazione e della politica da parte dei rappresentanti delle banche. L’elenco è lungo e possiamo ricordare numerosi precedenti che attestano questa dittatura come ad esempio il governo Monti composto da numerosi esponenti del mondo bancario come Elsa Fornero, Francesco Profumo, Piero Gnudi, Dino Piero Giarda, Corrado Passera. Lo stesso Monti ha avuto incarichi di responsabilità nella Goldman Sachs, nella Commissione Trilaterale, nel Gruppo Bilderberg e in Moody’s.”

“Ma la lista non finisce qua” ha spiegato Allam. “Possiamo citare le nomine in Rai di Anna Maria Tarantola ora Presidente e in passato vicedirettore della Banca d’Italia e di Luigi Gubitosi, Direttore Generale, già capo della filiale italiana di Bank of America – Merrill Lynch.”

“La parola deve tornare al popolo italiano che ha il diritto di essere rappresentato da esponenti che abbiano la legittimità democratica per poter governare il Paese. Questa dittatura bancaria deve cessare e occorre una nuova regolamentazione che impedisca le ingerenze del mondo finanziario nella gestione della res pubblica italiana. Ora non resta che attenderci che un altro rappresentante delle banche diventi Capo dello Stato. Vogliamo scommettere che il prossimo Presidente della Repubblica diventerà il Presidente della BCE Mario Draghi?” ha concluso Allam.