Il Corano è violento: ecco i versetti che rendono l’islam incompatibile con le leggi dello Stato

Ho seguito il consiglio di Magdi Cristiano Allam:
“Il Corano non bisogna bruciarlo, bisogna leggerlo.” Così ho fatto.
Dalla lettura di quel testo, che ho confrontato siccome esiste nelle seguenti cinque edizioni:
1 - IL CORANO - Edizione Biblioteca delle Libertà 2015
2 - IL CORANO - Edizione BUR CLASSICI XIV Edizione 2003
3 - IL CORANO - file http://www.sufi.it/Corano/SacroCorano.htm
4 - IL CORANO - file http://bit.ly/1NUhXsg
5 - IL CORANO - file http://www.Corano.it/Corano.html
Sono agevolmente disponibili nelle librerie, nelle biblioteche pubbliche, e reperibili sulla Rete Informatica. In esse si evidenzia come la deplorevole natura assolutista e compulsiva dell’islam, contrasti e contraddica parti significative dell'ordinamento costituzionale e giuridico italiano. 
Tanto emerge dalla lettura del testo coranico il quale -notoriamente- vieta la “ermeneutica” (cioè le interpretazioni) ed esige di essere applicato alla lettera -previa “esegesi” (cioè le spiegazioni)-: a pena di condanna per eresia o apostasia:
"Recita dunque ciò che ti è stato rivelato del Libro del tuo Signore. Nessuno può cambiare le Sue parole e non troverai, all'infuori di Lui, alcun rifugio." [Sura 18; Versetto 27]

Il Corano si applica alla lettera. Sono proibite e punite le sue interpretazioni.
In particolare = l’islam respinge i principi della separazione tra Stato e religione, la democrazia e la sovranità popolare; respinge altresì la equivalenza di ogni e qualsiasi religione e la loro indiscutibile sottomissione e subordinazione alla Autorità dello Stato; esclude l'autodeterminazione personale in ambito religioso, sessuale e familiare; esclude la parità giuridica, nega l'eguaglianza di genere e il diritto fondamentale all'integrità fisica di ogni persona (ammette la schiavitù, ammette le pene corporali crudeli e la tortura, ammette la pena di morte, impone mutilazioni rituali ai minorenni, ...).
Questa “religione” primitiva evidenzia anche una particolare “simpatia” (o affinità) per l’odio, per la violenza, per le punizioni, le minacce, (giustificate, anzi motivate dalla sua -inammissibile- pretesa di supremazia): atteggiamenti che conseguono alla spiegazione ed applicazione della sua perversa dottrina.

Se ne conclude -salvo prova contraria- che in Italia, secondo il vigente Ordinamento giuridico, l’islam (vero) non ha diritto ad essere praticato e manifestato pubblicamente, neppure soltanto come insegnamento o apologia, implicando ciò il commettere una serie di reati.
La “religione” islamica è attualmente l'unica -nel mondo- a generare pubblici problemi di questa gravità e vastità.

Eccovi pertanto, o pazienti e bene intenzionati lettori, una sorta di molto sintetico “florilegio” del dettato coranico che ho composto, come già indicato in epigrafe, utilizzando un elaboratore di testi. Nell’intento di esporne le fondamentali incompatibilità con la nostra Civiltà. Salvo errori.
Un dettaglio solo apparentemente secondario: la parola “libertà”, non sono riuscito a trovarla nelle cinque edizioni del Corano che ho letto.
E per -provvisoriamente- concludere, una osservazione di merito sempre basata sul rispetto della regola coranica di esegesi letterale: nonostante il granitico monoteismo islamico, nel Corano si ammette pacificamente la esistenza di più dei ( quale oscena contraddizione! ): Sura 23;14 e Sura 37;125 = dove Allah è semplicemente definito “il migliore dei creatori”. Traduzione identica in tutte e cinque le versioni del Corano che ho compulsato. Secondo il Corano esistono più dei. Non si sfugge. Quando l’ho fatto rilevare a due musulmani, quelli sono rimasti muti. Peggio per loro… .

Un’arma efficace per interdire la islamizzazione e fare crollare la mole islamica, è la analisi critica del suo “testo sacro”. Come già avvenne per altri di essi, la critica razionale è molto potente: un vero e proprio martello demolitore, un “trita-pietre” micidiale alla cui azione implacabile non c’è primitivo “libro sacro” che regga.

Testo Corano
Sintesi TEMATICA / OGGETTO
[ Sura N°; Versetti N° ]            

in MAIUSCOLO la ( SINTESI ESEGETICA )
in corsivo il Testo letterale disponibile / reperito
xx : numero di reiterazioni trovate in Testo

la DISCRIMINAZIONE la OPPRESSIONE e SCHIAVITU’ delle DONNE
(LA RELIGIONE ISLAMICA STABILISCE CHE LA DONNA È “PER NATURA” INFERIORE ALL’UOMO.) [2;228]-[4;34]
(LA RELIGIONE ISLAMICA DISPONE CHE LE DONNE ABBIANO METÀ DEI DIRITTI DEGLI UOMINI:)
[4;11] - nell’eredità [2;282] - nelle testimonianze pubbliche
(UN UOMO PUÒ DIVORZIARE DALLA MOGLIE, RISPOSARLA E DIVORZIARE NUOVAMENTE. NON VICEVERSA.)
[2;229] "Il ripudio v’è concesso due volte.".
[4;24,25] - … le schiave che possedete.

Gli INSULTI
associatori(26), politeisti(13)    = 39 VOLTE
stregone(4), mago(8)        = 12 VOLTE
démone                = 5 VOLTE
bestie (da odiare)        = 4 VOLTE
scimmie                = 3 VOLTE
infedeli                = 2 VOLTE
pazzo                    = 2 VOLTE
onagri                = 1 VOLTA
bastardo                = 1 VOLTA
porci                    = 1 VOLTA

La ISTIGAZIONE alla VIOLENZA
[4;15] (IMPRIGIONARE LE DONNE FINO ALLA LORO MORTE)
[4;34] (PICCHIARE LE DONNE)
[8;12] Getterò il terrore nei cuori dei miscredenti: colpiteli tra capo e collo, colpiteli su tutte le falangi!
[9;5] …uccidete questi associatori ovunque li incontriate, catturateli, assediateli e tendete loro agguati.
[9;38,39] «Lanciatevi [in campo] per la causa di Allah», Se non vi lancerete nella lotta, vi castigherà con doloroso castigo…
[24;2] Flagellate la fornicatrice e il fornicatore, ciascuno con cento colpi di frusta…e non vi impietosite…e che un gruppo di credenti sia presente alla punizione.
[68;16] marchieremo nel grugno…

castigo                = QUASI IN TUTTE LE PAGINE
fuoco (BRUCIARE, INFERNO)    = OLTRE 100 VOLTE
morte                    = 65 VOLTE
paura(19), terrore(8)        = 27 VOLTE
lotta, lottare            = OLTRE 25 VOLTE
maledetti(15), maledetto(9)    = 24 VOLTE
forza                    = OLTRE 20 VOLTE
combattere                = 20 VOLTE
odio                    = 13 VOLTE
punizione, punire            = 12 VOLTE
durezza                = 10 VOLTE
guerra                = 9 VOLTE
prigione                = 9 VOLTE
uccidere                = 6 VOLTE
distruggere                = 5 VOLTE
annegare                = 5 VOLTE
violenza                = 4 VOLTE
tagliare mani e piedi        = 3 VOLTE
lamento, lamenti            = 3 VOLTE
agguati                = 2 VOLTE
spada                    = 1 VOLTA
coltello                = 1 VOLTA
la ISTIGAZIONE alla MENZOGNA
[16;106] Quanto a chi rinnega Allah dopo aver creduto
-eccetto colui che ne sia costretto, mantenendo serenamente la fede in cuore-

Le MINACCE di VIOLENZE ai NON MUSULMANI
[2;88]-[48;6] Allah ha maledetto i miscredenti e i (POLITEISTI) e preparato per loro l’inferno.
[2;121] Coloro che lo rinnegano sono quelli che si perderanno.
[2;190] Combattete per la causa di Allah contro coloro che
vi combattono, ma senza eccessi, ché Allah non ama coloro che eccedono.
[2;191] Uccideteli ovunque li incontriate, e scacciateli
da dove vi hanno scacciati:la persecuzione è peggiore dell'omicidio. Ma non attaccateli vicino alla Santa Moschea, fino a che essi non vi abbiano aggredito. Se vi assalgono, uccideteli.
[2;193] Combatteteli finché non ci sia più persecuzione e il culto sia [reso solo] ad Allah.
[3;151] Getteremo lo sgomento (TERRORE) nei cuori dei miscredenti…. Il Fuoco sarà il loro rifugio. Sarà atroce l'asilo degli empi.
[4;101] Quando siete in viaggio … ,i miscredenti sono per voi
un nemico manifesto.
[5;17,51] O voi che credete! Non abbiate amici tra gli Ebrei ed i Cristiani.
[9;29] Combattete coloro che non credono (ATEI) in Allah…che non vietano quello che Allah e il Suo Messaggero hanno vietato, e quelli, tra la gente della Scrittura, che non scelgono la religione della verità, finché non versino umilmente il tributo, e siano soggiogati.
[16;106] (GLI APOSTATI) su di loro è la collera di Allah e avranno un castigo terribile.
[33;64] In verità Allah ha maledetto i miscredenti ed ha preparato
per loro la Fiamma,
[33;65] affinché vi rimangano in perpetuo, senza trovare né protettore
né ausilio.
[33;66] Il Giorno in cui i loro volti saranno rivoltati nel Fuoco, diranno:
«Ahinoi, ah, se avessimo obbedito ad Allah, se avessimo obbedito al Messaggero!»
[45;7]-[45;8] Guai ad ogni bugiardo peccatore, che ode recitare davanti a sé i versetti di Allah, ma insiste…come se non li avesse affatto uditi! Annunciagli dunque un doloroso castigo.
[59;7] In verità Allah è severo nel castigo.
[74;2] alzati e ammonisci,
[74;19] Maledetto!
[74;20] Maledetto! (= SIA UCCISO!) (IL MISCREDENTE)

La POLIGAMIA
[65;4,5]… il periodo di attesa (DOPO IL RIPUDIO, PER SPOSARE ALTRE.) sarà di tre
mesi … anche per quelle che non hanno ancora avuto mestruazioni.

Il RAZZISMO e la RIDUZIONE in SCHIAVITU’
[3;106,107] (I VOLTI BIANCHI TRA I BEATI, I VOLTI NERI TRA I DANNATI.)
schiavi, schiave            = 25 VOLTE

Lo STATO nello STATO
(LA RELIGIONE ISLAMICA ORDINA AI CREDENTI DI OBBEDIRE SOLO A LORO CORRELIGIONARI, DISCONOSCENDO E RIFIUTANDO ALTRE AUTORITA’.)
[3;149,151]-[4;59]-[12;54]-[40;35,36]