Perché la lotta all'evasione è una menzogna politica che danneggerebbe ulteriormente l'economia reale

Ci risiamo. Il tempo passa, la situazione economica peggiora sempre più (come ampiamente previsto e detto tra noi, il peggio deve ancora arrivare!) che subito si ascoltano voci che alludono all’economia sommersa ed all’evasione fiscale come le effettive ragioni dello stato di cose attuali.
Che vogliamo farci con queste mezze sole al soldo del potere, incapaci anche solo di pensare per un attimo al bene comune piuttosto che alle loro convenienze?
Dopo tutto, il buon Grillo ci ha vinto praticamente le elezioni raccontando come solo lui sa fare, che la colpa della depressione economica in Italia  è dei politici corrotti, dell’evasore della porta accanto, del finanziamento pubblico ai partiti; quindi non c’è da sorprendersi più di tanto nel constatare che il tema ha un certo appeal tra gli elettori, specialmente tra i più sprovveduti (che sono la maggioranza purtroppo).
Per meglio capire perché non è colpa del “nero”, dell’economia sommersa, dell’evasione fiscale se stiamo affondando come Paese e come sistema produttivo, iniziamo a riportare qualche dato sulle presunte nefandezze dei contribuenti italici.

Fonte: Tax Research LLP
Non c’è dubbio!! Siamo i peggiori! Siamo un popolo di ladri!!
Queste cifre fornite dalla Corte dei Conti sono quelle su cui poi si basano tutte le azioni di contrasto a livello internazionale all’evasione fiscale.
Bisogna tuttavia rilevare che, da uno studio pubblicato su Bloomberg, l’economia sommersa negli USA si aggira sui 2.000 miliardi di dollari, ovvero il 18% del PIL, cifra assolutamente ragguardevole che, come sosteneva Milton Friedman “è molto importante per il benessere di una nazione” .

Dunque supponiamo che per intercessione divina, si riuscisse a recuperare il 100% dell’evasione fiscale, 180 miliardi di euro. Finalmente chi si è arricchito per anni senza versare nulla al fisco, allo Stato, vivendo come un parassita, pagherà tutto sino all’ultimo centesimo. Era ora!!!
In linea di principio è giusto che ciascuno corrisponda al mantenimento dello stato sociale versando una quota del proprio reddito, secondo le proprie disponibilità. Tuttavia, è fondamentale rilevare che questi 180 miliardi sono presenti nel settore famiglie – imprese (IF) sotto forma di risparmi, consumi, depositi, investimenti,…
Sottrarre al sistema IF una tale cifra equivarrebbe a spegnere i motori di un elicottero in volo: crash!!!
Questo perché, come più volte spiegato, il sistema economico è basato sulla moneta ed è la quantità di moneta presente nel sistema a determinare il livello di benessere di un Paese che usiamo solitamente definire con l’acronimo PIL.
Il PIL infatti altro non è che la somma delle transazioni monetarie che avvengono all’interno di uno Stato; se di colpo si togliesse la moneta, cosa accadrebbe al PIL? Crash !!
Al fine di semplificare la comprensione del perché la lotta all’evasione sia inutile e figlia solo di una campagna mediatica volta e creare odio ed intolleranza nel Paese, cerchiamo di comprendere come funziona un sistema economico nel suo complesso.

Quello che vorrei far osservare è che, in primo luogo, il sistema Imprese + Famiglie (IF) è un sistema chiuso rispetto alla capacità di creare moneta.

La quantità di moneta all’interno del sistema IF è sempre la stessa; non aumenta né diminuisce; semplicemente si ridistribuisce tra i diversi componenti la struttura economica (cioè, famiglie ed imprese).
Al suo interno, vengono scambiati prodotti e servizi tra gli operatori generando differenti flussi di reddito che potranno dar luogo a fenomeni di accumulazione di moneta (risparmio).
Quindi, fatto 100 il valore del reddito prodotto in un anno, vi è una percentuale di questo (ad esempio il 10%) che non viene sistematicamente reinvestito nel sistema, ma al contrario viene risparmiato ed investito magari in BTP o nell’acquisto di case e terreni.
Il risparmio, sia ben chiaro, non è di per sé una componente negativa, ma se si sottrae una quantità pari a 10 immobilizzandola,  per l’anno successivo, la produzione di reddito potrà essere di solo 90 (100-10= 90).
Questo dunque accade perché c’è una parte della popolazione, che accumula in modo improduttivo ricchezza, senza rimetterla nel sistema.
Questo “buco” che si viene a determinare di 10 chiamato “output gap”, viene di regola colmato dalla concessione di credito da parte del sistema bancario a famiglie ed imprese (cioè immettendo nuova moneta nel sistema ) e dallo Stato, che attraverso i Deficit di bilancio, immette anch’esso liquidità nel sistema IF.
Dunque, se le banche concedessero  prestiti per un ammontare di 5 e lo Stato realizzasse un Deficit del 5 %, avremmo colmata la differenza di 10 che era stata sottratta al sistema, che potrebbe così tornare a produrre ricchezza pari a 100 (cioè, 90+5+5=100).
In questa condizione, la domanda è dunque tornata a crescere rispetto ad il valore di 90; la produzione delle imprese sale e con essa l’occupazione e la produzione di reddito complessivo.(PIL)
Ora cosa sta accadendo in Italia, in Grecia, Spagna, Portogallo e tra poco anche in Francia?
Accade che sia il sistema bancario (attraverso la riduzione del credito a famiglie ed imprese), sia lo Stato (attraverso politiche di austerity e pareggio di bilancio) non riescono più a riportare la domanda a 100, ed anzi, stanno progressivamente realizzando l’obiettivo opposto.
Infatti, cresce la percentuale di tesaurizzazione della ricchezza che viene accumulata e non spesa o reinvestita nel mercato (per paura, pessimismo si tende a non spendere anche quando si potrebbe); in aggiunta a ciò, l’imposizione fiscale ed il pagamento di debiti ed interessi al settore bancario compromette la stabilità del sistema che viene a trovarsi in condizioni di grave sofferenza determinando una ulteriore perdita di moneta nel sistema IF.
Quindi a fronte di una progressiva fuoriuscita di moneta dal sistema IF, non vi è una adeguata immissione di nuova moneta in grado di stabilizzare l’economia, che così va in Depressione, situazione nella quale, lo ripetiamo, si ha una caduta della produzione, diminuzione dei prezzi, sottoutilizzazione degli impianti produttivi, discesa degli investimenti, riduzione del reddito disponibile. E’ la nostra condizione attuale, nulla di sconvolgente.
Il perdurare di una situazione in cui la moneta viene di fatto sottratta al sistema IF porta ad un progressivo ed irreversibile declino della produzione industriale (oggi siamo tornati ai livelli del 1990 e andremo sempre peggio…) non perché non ci sia voglia di lavorare, oppure i giovani sono schizzinosi (come andava dicendo senza pudore qualche ex- ministro) e rifiutano posti di lavoro, non ci sono le tecnologie, le idee o i  capannoni: manca la domanda perché manca la moneta nel sistema imprese- famiglie poiché questo non può crearla, può solo scambiarla, investirla o risparmiarla.
Ci si avvia  dunque verso  una lunga depressione economica in cui i beni reali (immobili, aziende, attività commerciali,..) perdono di valore rispetto alla moneta che invece, causa la rarità, aumenta di valore (ed è ciò  che sta accadendo adesso, infatti gli immobili diminuiscono giustamente di valore, la capitalizzazione delle aziende pure,…).
Cosa accadrebbe se altri 180 miliardi di euro venissero trasferiti dal sistema IF allo Stato od al sistema bancario? Sarebbe la fine, il collasso dell’economia. Altro che 1929!!
Chi immetterebbe nuova moneta nel sistema? Non il sistema bancario italiano che utilizza i programmi europei per acquistare titoli del debito (BTP) e che ad oggi non ha restituito un solo centesimo di quanto ottenuto; non lo Stato, che grazie al cappio del Fiscal compact, si è impegnato a ridurre di 50 miliardi l’anno la spesa pubblica per i prossimi venti anni.
Poveri noi!! E’ iniziato il conto alla rovescia. I campi d’Attica ci attendono.