Perché condanno la legittimazione del matrimonio omosessuale da parte del Parlamento Europeo

 

Carissimi Amici di Io amo l’Italia,

il Parlamento Europeo ha approvato giovedì 24 maggio una risoluzione in cui partendo dalla “Lotta contro l’omofobia in Europa” (in calce potete leggere il testo integrale) si perviene alla legittimazione del matrimonio omosessuale alla stregua del matrimonio di una coppia eterosessuale, con tutto ciò che ne consegue. In un passo della risoluzione il Parlamento Europeo “ritiene che i diritti fondamentali delle persone LGBT (lesbiche, gay, bisessuali, transessuali, ndr) sarebbero maggiormente tutelati se esse avessero accesso a istituti giuridici quali coabitazione, unione registrata o matrimonio; plaude al fatto che sedici Stati membri offrono attualmente queste opportunità e invita gli altri Stati membri a prendere in considerazione tali istituti”.

Vorrei subito chiarire che considero gli omosessuali persone che al pari di tutte le persone sono depositarie di valori non negoziabili alla vita, alla dignità e alla libertà. Non coltivo nessun pregiudizio nei confronti degli omosessuali, umanamente li rispetto e cristianamente nutro il medesimo amore che coltivo con tutte le persone che sono creature a immagine e somiglianza di Dio.

Ma oggi più che mai dobbiamo prendere atto che ci troviamo di fronte a un’emergenza italiana ed europea, un omicidio-suicidio demografico che sta portando al declino della nostra società e al dissolvimento della nostra civiltà. Ebbene per porre un argine alla serissima e gravissima crisi demografica, dobbiamo concentrarci sul sostegno alla famiglia naturale e riscoprirne la centralità come pilastro della costruzione sociale perché scientificamente è l’unica in grado di procreare. Solo l’unione tra un uomo e una donna che si amano è in grado di mettere al mondo dei figli che rigenerano la vita in seno alla società garantendo il perpetuamento della nostra civiltà.

Se oggi non mettiamo al centro del modello di società la promozione della cultura della vita, sostenendo la famiglia naturale, aiutando la maternità, incentivando la natalità, favorendo l’emancipazione dei giovani affinché tramite la stabilità lavorativa possano ergersi a protagonisti nella rigenerazione di nuova vita, noi come italiani e come europei saremo destinati a scomparire come società e come civiltà.

Dobbiamo recuperare l’uso della ragione e riscoprire il sano amor proprio per prendere atto che l’emergenza demografica deve avere la priorità assoluta nei nostri interessi e che che la crescita della natalità tra gli italiani corrisponde alla salvaguardia dei nostri valori, della nostra identità e della nostra civiltà. Se non lo faremo non potremo salvaguardare il nostro stato sociale. Quando la percentuale di persone in età lavorativa che versano i contributi sarà inferiore alla percentuale di persone in età pensionabile che riscuotono la pensione, lo Stato non potrà più sostenere i costi delle pensioni e dei sussidi sociali. I nostri figli e i nostri nipoti rischiano di non vedere mai la pensione!

Ecco perché Io amo l’Italia mette al centro della propria strategia politica un nuovo modello sociale che promuove la cultura della vita, sostenendo la famiglia naturale, la maternità, la natalità e i giovani. Noi non rinunciamo al diritto e al dovere di usare la ragione e ci amiamo, amiamo noi stessi, i nostri figli e i nostri nipoti. Il nostro impegno, senza nessun pregiudizio nei confronti degli omosessuali, è tutto concentrato nella promozione della cultura della vita. Viva la vita! Viva Io amo l’Italia!

 

Come e chi ha votato la risoluzione del Parlamento Europeo “Lotta contro l’omofobia in Europa” approvata giovedì 24 maggio 2012 a Strasburgo

 

Voti contrari: 105

 

ECR: Bielan, Gróbarczyk, Kamiński, Kowal, Legutko, Migalski, Piotrowski, Poręba, Strejček, Szymański, van Dalen

 

EFD: Allam, Belder, Borghezio, Cymański, Fontana, Imbrasas, Kurski, Morganti, Paška, Provera, Rossi, Salvini, Scottà, Speroni NI: Brons, Dodds, Gollnisch, Griffin, Hartong, Kovács, Le Pen Marine, Madlener, Mölzer, Obermayr, Stadler, Stassen, Szegedi, Zijlstra

 

PPE: Baldassarre, Balz, Berlato, Bodu, Borys, Buzek, Böge, Březina, Casini, Caspary, Comi, Deß, Fidanza, Gardini, Grzyb, Gräßle, Gáll-Pelcz, Handzlik, Hibner, Hohlmeier, Jazłowiecka, Jeggle, Jędrzejewska, Kalinowski, Kastler, Koch, Kozłowski, Landsbergis, Langen, Liese, Lisek, Marcinkiewicz, Matera, Mauro, Mayer, Mayor Oreja, Melo, Mikolášik, Morkūnait, Mikul÷nien÷, Mészáros, Niebler, Nitras, Olbrycht, Pallone, Peterle, Pieper, Pirker, Posselt, Rivellini, Roatta, Roithová, Ronzulli, Rübig, Saryusz-Wolski, Saudargas, Scurria, Siekierski, Silvestris, Sommer, Vlasto, Wałęsa, Weisgerber, Winkler Hermann, Zalewski, Zasada, Zeller

 

 

Voti favorevoli: 430

 

ALDE: Alvaro, Aylward, Bearder, Bennahmias, Bennion, Bilbao Barandica, Bowles, Creutzmann, Davies, Donskis, Duff, Gallagher, Gerbrandy, Goerens, Griesbeck, Haglund, Harkin, Hyusmenova, Ilchev, Iovine, Jensen, Johansson, Kacin, Kazak, Kozlík, Krahmer, Lambsdorff, Ludford, Lyon, Løkkegaard, Manders, Meissner, Michel, Mulder, Mănescu, Newton Dunn, Neyts-Uyttebroeck, Nicolai, Ojuland, Oviir, Panayotov, Parvanova, Paulsen, Reimers, Ries, Rinaldi, Rochefort, Rohde, Savisaar-Toomast, Schaake, Skylakakis, Takkula, Taylor Rebecca, Thein, Theurer, Tremosa i Balcells, Uggias, Vajgl, Vălean, Watson, Weber Renate, Wikström, Zanoni, de Sarnez, in ‘t Veld

 

ECR: Bokros, Callanan, Campbell Bannerman, Chichester, Deva, Elles, Ford, Foster, Fox, Girling, Harbour, Rosbach, Stevenson, Swinburne, Tannock, Wojciechowski, Yannakoudakis, Češková EFD: Messerschmidt, Salavrakos, Terho, Tzavela

 

GUE/NGL: Bisky, Chountis, Ernst, Ferreira João, Gustafsson, Hadjigeorgiou, Händel, Klute, Liotard, Lösing, Matias, Maštálka, Meyer, Omarjee, Ransdorf, Remek, Rubiks, Scholz, Sousa, Triantaphyllides, Wils, Zimmer, Zuber

 

NI: Ehrenhauser, Martin Hans-Peter, Severin, Sosa Wagner, Vadim Tudor, Werthmann, van der Stoep

 

PPE: Albertini, Andrikien÷, Antinoro, Antonescu, Arias Echeverría, Auconie, Audy, Bach, Bagó, Becker, Bendtsen, Boulland, Brok, Busuttil, Băsescu, Cadec, Carvalho, Casa, Cavada, Collin-Langen, Corazza Bildt, Correa Zamora, Danjean, Daul, Delvaux, Deutsch, Dorfmann, Ehler, Engel, Estaràs Ferragut, Feio, Ferber, Fernandes, Fisas Ayxela, Fraga Estévez,

Franco, Gahler, Gallo, Giannakou, Grosch, Gutiérrez-Cortines, Herranz García, Higgins, Hökmark, Hübner, Iacolino, Ibrisagic, Ivanova, Jiménez-Becerril Barrio, Jordan, Juvin, Kalniete, Karas, KariĦš, Kasoulides, Kelly, Kolarska-Bobińska, Korhola, Koumoutsakos, Kovatchev, Kratsa-Tsagaropoulou, Kukan, Köstinger, Lope Fontagné, Luhan, Lulling, Macovei, Malinov, Marinescu, Mathieu, Mato Adrover, Matula, Mazej Kukovič, Mazzoni, McGuinness, Mitchell, Morin-Chartier, Naranjo Escobar, Nedelcheva, Neynsky, Ortiz Vilella, Papanikolaou, Pietikäinen, Ponga, Poupakis, Preda, Protasiewicz, Pöttering, Reul, Riquet, Sanchez-Schmid, Sarvamaa, Saïfi, Schnieber-Jastram, Schwab, Sedó i Alabart, Seeber, Stolojan, Striffler, Svensson, Szájer, Sógor, Teixeira, Theocharous, Urutchev, Verheyen, Vidal-Quadras, Weber Manfred, Wortmann-Kool, Zalba Bidegain, Zver, de Lange, van de Camp, Łukacijewska

 

S&D: Alves, Andrés Barea, Arlacchi, Arsenis, Ayala Sender, Badia i Cutchet, Balzani, Berlinguer, Berman, Berès, Borsellino, Bozkurt, Bostinaru, Brzobohatá, Bullmann, Capoulas Santos, Caronna, Castex, Cercas, Childers, Cliveti, Cofferati, Correia de Campos, Cortés Lastra, Costello, Cozzolino, CreŃu, Crocetta, Cuschieri, Cutas, Daerden, Danellis, De Angelis, De Castro, De Keyser, Domenici, Droutsas, Dušek, Désir, El Khadraoui, Enciu, Ertug, Fajon, Ferreira Elisa, Flašíková Beňová, Färm, Garcés Ramón, García Pérez, García-Hierro Caraballo, Gardiazábal Rubial, Gebhardt, Geier, Geringer de Oedenberg, Gierek, Glante, Gomes, Gualtieri, Guerrero Salom, Guillaume, Gutiérrez Prieto, Göncz, Haug, Hedh, Herczog, Hoang Ngoc, Honeyball, Howitt, Iotova, Irigoyen Pérez, Jaakonsaari, Jørgensen, Kadenbach, Kalfin, Kammerevert, Kirilov, Koppa, Krehl, Kreissl-Dörfler, Lange, Leichtfried, Leinen, Liberadzki, Ludvigsson, López Aguilar, Martin David, Masip Hidalgo, Mavronikolas, Maňka, McAvan, McCarthy, Menéndez del Valle, Milana, Moreira, Muñiz De Urquiza, Neuser, Neveďalová, Nilsson, Obiols, Olejniczak, Padar, Paliadeli, Panzeri, Papadopoulou, Pargneaux, Pascu, Perello Rodriguez, Podimata, Rapkay, Rapti, Regner, Repo, Riera Madurell, Rodust, Romero López, Rouček, Schaldemose, Scicluna, Sehnalová, Senyszyn, Serracchiani, Simon, Simpson, Sippel, Siwiec, Smolková, Stavrakakis, Steinruck, Stihler, Sánchez Presedo, Sârbu, Tabajdi, Tarabella, Thomsen, Tirolien, Trautmann, Tănăsescu, Ulvskog, Van Brempt, Vaughan, Vergnaud, Vigenin, Weber Henri, Weidenholzer, Westlund, Westphal, Willmott, Yáñez-Barnuevo García, Zala, Zemke, łicău

 

Verts/ALE: Alfonsi, Andersdotter, Auken, Benarab-Attou, Besset, Bové, Brepoels, Bélier, Chrysogelos, Cohn-Bendit, Cornelissen, Cramer, Cronberg, Delli, Eickhout, Engström, Evans, Flautre, Giegold, Grèze, Hassi, Hudghton, Häfner, Häusling, Jadot, Joly, Kiil-Nielsen, Lambert, Lamberts, Lichtenberger, Lochbihler, Lunacek, Lövin, Miranda, Romeva i Rueda, Rühle, Sargentini, Schlyter, Schroedter, Schulz Werner, Smith, Staes, Tarand, Tavares, Taylor Keith, Trüpel, Turmes, Turunen, Ždanoka

 

 

Astenuti: 59

 

ECR: Cabrnoch, Eppink, Kožušník, McClarkin, Nicholson, Ouzký, Tomaševski, Van Orden, Vlasák, Zahradil

 

EFD: (The Earl of) Dartmouth, Agnew, Andreasen, Vanhecke NI: Binev, Claeys, Nattrass

 

PPE: Angelilli, Bauer, Dantin, De Veyrac, Essayah, Glattfelder, Grossetête, Gyürk, Gál, Hankiss, Hortefeux, Iturgaiz Angulo, Jahr, Kaczmarek, Kelam, Klaß, Kósa, La Via, Le Grip, Motti, Muscardini, Pack, Papastamkos, Salafranca Sánchez-Neyra, Schöpflin, Sonik, Surján, Thun und Hohenstein, Trzaskowski, Tsoukalas, Ulmer, Wieland, Zanicchi, Zwiefka, İry, Šadurskis, Šťastný

 

S&D: Costa, Falbr, Pirillo, Poc, Prodi

 

Correzione di voto

 + Dominique Vlasto

 0 Philippe Juvin, Nuno Melo