Corpi decapitati, castrati, con occhi strappati e dita mozzate appesi a ganci: le atrocità dei terroristi islamici nel centro commerciale di Nairobi

(www.dailymail.co.uk) - I soldati hanno parlato di orribili torture inflitte dai terroristi nella strage al centro commerciale di Nairobi, ieri, affermando che degli ostaggi erano stati smembrati, che erano stati cavati loro gli occhi e che erano stati lasciati appesi a ganci sul soffitto.

È stato riferito che gli uomini, prima di essere accecati e impiccati, erano stati castrati e avevano le dita mozzate con pinze.

I bambini, è stato affermato, sono stati trovati morti nei frigoriferi con i coltelli ancora conficcati nei corpi.

Come riferito, la maggior parte dei terroristi uccisi, nel frattempo, sono stati scoperti “ridotti in cenere”, bruciati dall'ultimo estremista ancora vivo per cercare di proteggerne le identità.

I raccapriccianti dettagli, come le prime immagini emerse dall´interno delle macerie del palazzo, sono arrivati ieri e mostrano mucchi di corpi abbandonati sul pavimento.

Un terzo del centro commerciale è stato distrutto nella battaglia tra terroristi e le truppe del Kenya.

Si teme che sepolti sotto le macerie vi siano i corpi di ben 71 civili che sono stati dichiarati dispersi dalla Croce Rossa keniana .

Con gli investigatori, tra cui la FBI e la polizia metropolitana, non ancora in grado di raggiungere la parte distrutta del centro commerciale per paura di innescare esplosivi, potrebbe volerci fino a una settimana per determinare esattamente chi è ancora dentro.

Ieri, i soldati e i medici, che sono stati tra le prime persone ad essere entrate nel centro commerciale dopo che martedì è stato riconquistato, hanno parlato di scene orribili.

“Si trovano persone appese al tetto con ganci”, ha detto un medico del Kenya, che ha chiesto di non essere nominato.

“Hanno strappato gli occhi, le orecchie, il naso. Prendono la tua mano e la affilano come una matita poi ti dicono di scrivere il tuo nome con il sangue. Infilzano con i coltelli il corpo di un bambino”.

“In realtà, se si guarda a tutti i corpi, salvo le persone che si sono messe in fuga, le dita sono tagliate e i nasi sono stati strappati con delle pinze. Qui c´è stato dolore”.

Un soldato, che ha scattato delle immagini al banco pane e all´Artcaffè, ha detto che era così traumatizzato da quello che ha visto che ha dovuto cercare supporto.

Esperti artificieri con cani addestrati, ieri, stavano meticolosamente setacciando la parte dell'edificio ancora in piedi alla ricerca di esplosivi, prima di lasciare il campo agli ufficiali di medicina legale, alla polizia e alle truppe per la ricerca di corpi.

Anche le immagini emerse rivelano la vera portata della distruzione causata al centro commerciale durante la battaglia di quattro giorni tra le forze del Kenya e militanti islamici.

Le prime foto scattate all'interno del sito mostrano un buco nel tetto del centro commerciale, crollato per tre piani quando, come ha riferito un funzionario del governo, i soldati keniani hanno sparato granate all'interno del complesso, buttando giù una colonna di sostegno.

Passeggini per bambini sono stati abbandonati a pochi metri dal cratere aperto, così come le auto sono pericolosamente in bilico sul bordo. Sotto ancora molti più veicoli si trovano accatastati uno sopra l'altro, in frantumi.

Il crollo è avvenuto lunedì quando le truppe governative hanno lanciato un massiccio attacco sul centro commerciale, dove, si pensa, siano state uccise fino a 150 persone.

Durante il conflitto a fuoco, come riferito, agli ostaggi è stata tagliata la gola da orecchio a orecchio e sono stati gettati, urlando, dai balconi del terzo piano. In questo modo l'assedio è giunto ad una fine sanguinosa. La squadra di medicina legale, che sta ancora cercando tra le montagne di macerie, teme che possano essere ritrovati molti più corpi.

Le truppe keniane, traumatizzate, hanno riferito che l'interno del centro commerciale, a conduzione israeliano, sembrava una “scena di un film dell'orrore”, con schizzi di sangue dappertutto e cadaveri sparsi sul pavimento.

L´attacco principale dell'operazione è iniziato alle 6:00 di lunedì, quando truppe ed elicotteri hanno circondato l'edificio, anche se i loro sforzi sono stati ostacolati da un cecchino di Al Shabaab, che è riuscito a bloccarli per quasi 24 ore.

I gas lacrimogeni sono stati utilizzati per cercare di stanarlo. Un altro terrorista, come riferito, si è fatto esplodere. Si ritiene che l'incendio che ne è derivato potrebbe aver ucciso decine di clienti in un supermercato.

Il giorno seguente, ai soldati è stato ordinato di adottare la politica “sparare per uccidere” e di lanciare l'attacco finale al gruppo terroristico sul tetto del centro commerciale, alle 5:00.

Il centro commerciale è stato riconquistato circa mezz'ora più tardi.

Si pensa, secondo funzionari keniani, che siano stati tra i 10 e i 15 terroristi a prendere d´assalto il centro commerciale.

La polizia ha detto che cinque insorti sono stati uccisi nella battaglia e almeno 10 sono stati presi in custodia.

 

http://www.dailymail.co.uk/news/article-2434278/Kenya-mall-attack-torture-claims-emerge-soldiers-Eyes-gouged-bodies-hooks-fingers-removed.html